Zucchero di canna? Si! Ma integrale!

01/06/20150
Zucchero-di-canna-Si-Ma-integrale-1280x918.jpg

Zucchero di canna? Si! Ma integrale!


Innanzi tutto è necessario sfatare un mito: non c’è nessuna differenza tra zucchero di barbabietola (il comune zucchero bianco) e zucchero di canna per ciò che concerne la struttura chimica, le calorie e l’impatto metabolico sull’organismo, tessuto adiposo compreso (entrambi hanno anche indice glicemico identico).
La buona fama dello zucchero di canna si deve in gran parte all’opinione, assai diffusa, che sia un alimento integrale. In realtà, quello che in genere si trova in commercio o al bar, in bustina e sfuso, è un prodotto raffinato, in cui la materia prima ha subito profonde lavorazioni ed è stata trattata con sostanze chimiche, analogamente a quanto avviene per lo zucchero di barbabietola.
Non è tutto. Il colore in genere ambrato (dovuto ad alcune impurezze residue, che vengono mantenute perché aromaticamente gradevoli) spesso è volutamente accentuato tramite l’aggiunta di un colorante (il caramello ammoniacale, noto anche come E 150), in modo da dare al prodotto un aspetto meno “lavorato”.
Insomma, questi non ha alcun pregio in più rispetto allo zucchero bianco di barbabietola.
Lo zucchero di canna integrale invece (che si riconosce per i granelli di forma e dimensioni non omogenee e che non si separano facilmente tra loro, nonché per il colore tendente al bruno e poco uniforme) ha subito pochissime lavorazioni e sofisticazioni chimiche, mantenendo inalterate le sue proprietà.
Rispetto allo zucchero tradizionale, quello integrale di canna contiene una minore percentuale di saccarosio, è più ricco di sali minerali (calcio, fosforo, potassio, zinco, fluoro, magnesio) e vitamine (A, B1, B2, B6, C). Il potere calorico è leggermente inferiore, tant’è vero che 100 grammi di zucchero di canna integrale apportano 356 calorie, contro le 392 del tradizionale saccarosio.

E quindi?
Stiamo parlando comunque di zucchero. Fate quindi attenzione perché lo zucchero di canna, sia grezzo che integrale, se consumato in quantità esagerate, può portare alla comparsa di patologie come diabete e sovrappeso, inoltre può indurre a squilibri metabolici.
A voi la scelta!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Logo-Cristina-Colombo-Dietista-inverso

Per Info o Appuntamenti

E-mail: cristina.colo@libero.it
Telefono: +39 393 7692825
Whatsapp: +39 393 7692825

Seguimi sui Social

 

facebook   instagram    linkedin

× Contattami!